richard stallman

Manifesto per lo sviluppo software responsabile

Il software ci circonda in ogni aspetto della vita. Le nostre auto sono piene di software, la nostre comunicazioni si basano sul software, e quasi tutti i dispositivi nella nostra vita quotidiana contengono software. Quello che però le persone non si sono mai poste, è quanto sia importante quello che gli sviluppatori software stanno realizzando, e l’impatto che stanno avendo sulla vita delle persone. La carta stampata ha avuto una influenza notevole sulla vita dell’umanità, ma ci sono voluti 300 anni per avere una diffusione su larga scala. Allo stesso modo le automobili hanno cambiato il modo in cui la gente si sposta, e allo stesso modo della carta stampata, ha impiegato del tempo (100 anni) affinché fossero alla portata di tutti. L’industria del software ha invece si e no 50 anni, e ha avuto un impatto maggiore rispetto a qualsiasi altra cosa inventata prima.

Un’azione implica delle conseguenze, positive o negative, e se un progettista sbaglia la costruzione di un’auto, può avere conseguenze anche letali sulle persone che la utilizzeranno. Per questo motivo ogni governo mondiale ha delle leggi che regolano i livelli di sicurezza che le automobili devono rispettare affinché possano circolare sulle strade, leggi che sono state affinate nel tempo, non appena le automobili sono diventate alla portata di tutti. Noi sviluppatori software invece, abbiamo dovuto affrontare tutto questo processo in un periodo di tempo molto più breve, che include al suo interno una quantità di informazioni molto più elevata, anche se di fatto non vi è alcun governo a stabilire delle leggi che regolano in maniera puntuale come un software deve essere sviluppato. Questo è ed è stato un enorme vantaggio, perché la crescita non è stata ostacolata da nessuno, e ha permesso allo sviluppo del software di diventare assieme al mercato farmaceutico una delle industrie più remunerative di sempre. La questione però, è che in quanto sviluppatori software abbiamo una responsabilità verso chi il nostro prodotto lo andrà ad utilizzare. Chi più, chi meno, ogni sviluppatore ha una responsabilità nei confronti dell’utente, che includono le casistiche più disparate: dal rendere un database invulnerabile ad attacchi esterni, fino ad un codice che esegue esattamente ciò per cui è stato scritto senza eccezioni di sorta, ad arrivare a degli sviluppatori che non violano la privacy degli utenti, avendo completo accesso ai database. Per questo motivo invito tutti, non solo sviluppatori ed ingegneri, a leggere il Manifesto per lo sviluppo software responsabile. Nessuno degli argomenti descritti sono nuovi. Eppure, la maggior parte degli sviluppatori non si rendono conto di quanto sia grande il loro impatto sulla società e sui singoli individui. Questa influenza cresce di giorno in giorno e non c’è una fine in vista. In quanto giovane industria, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità e affrontare le conseguenze dei nostri prodotti e progetti.

Voglio incoraggiare tutti a pensare al proprio posto di lavoro e ai vostri ultimi progetti. Avete in mente dei prodotti (o progetti che dir si voglia) che violano la vostra etica e che non prendereste mai in carico? Avete delle regole su come vengono distribuiti i dati aziendali? Discutete di questi temi e del manifesto sopra citato con i vostri colleghi. Sarete sorpresi di come molti di loro hanno delle opinioni divergenti a tal proposito.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *